Consulatul General al Republicii Moldova la Milano (Republica Italiană)

Linkuri utile


Centrul de Apel E-services Registru Chamber

Business

L’imprenditoria, nell’economia di mercato creano i beni e servizi, nonché i posti di lavoro necessari alla società e completano il bilancio con le tasse.

Affinché possa sviluppare i propri rami in modo ascendente, l’imprenditoria necessita di libertà di mercato, la quale contribuisce allo sviluppo economico. Ovvero, “un mercato libero” significa la non implicazione dello stato nell’ambito degli investimenti, nella produzione, distribuzione, uso di merci e servizi, nella misura ritenuta più opportuna dalla popolazione.

Le strutture internazionali, a partire dal 1999 finanziano nel nostro paese il progetto “La valutazione del costo della regolamentazione di stato nella Repubblica di Moldova”. Recentemente è stato conclusa la ricerca sull’attività imprenditoriale nell’anno 2005.

Gli obiettivi dello studio

L’obiettivo principale dello studio consiste nel monitoraggio dell’ambiente di affari e la valutazione dell’impatto delle politiche di stato e dei requisiti legislativi, a cui sono soggetti gli agenti economici della Repubblica di Moldova.

Periodo di studio

Lo studio dell’ambiente di affari della Repubblica di Moldova è stato effettuato nei mesi di luglio – settembre 2006 e riprende la situazione degli ultimi tre anni. I dati ottenuti sono paragonati con i risultati di altri quattro sondaggi simili effettuati nel periodo 2002 – 2005.

Campionario

Comprende 630 agenti economici selezionati casualmente. Il campionario non include le imprese agricole e quelle private. All’incirca l’88 % delle imprese selezionate per la ricerca raggiungono la soglia dei 50 dipendenti.

Opinione generale

La percezione dell’ambiente d’affari da parte dei vari agenti economici è diversa. Circa 25% di costoro afferma che la situazione è migliorata. Si registra un certo miglioramento di tale indice rispetto all’anno scorso, quando era il 21% a sostenere che la situazione fosse migliorata. La regolamentazione nelle costruzioni e nei controlli sono gli ambiti che creano gli ostacoli più rilevanti. La registrazione invece è l’ambito con lo sviluppo più forte.

La Registrazione

Durante gli scorsi tre anni la procedura di registrazione durava in media 18 giorni, più 10 giorni alla Camera di Registrazione di Stato. I costi medi della registrazione non sono cambiati, se paragonati al sondaggio precedente e sono di $ 82. La modifica dei documenti per la registrazione durava un po’ meno, 13 giorni.

Costruzioni

Negli ultimi tre anni, gli agenti economici intervistati hanno ottenuto tutti i permessi per le costruzioni dopo circa 143 giorni ad un costo di $560. La durata della procedura per ottenere tutti i permessi per il rinnovo degli edifici è stata di 67 giorni ad un costo di $227. Circa 27% delle imprese sostengono che la situazione è peggiorata rispetto all’anno precedente.

Licenze

Circa il 58% di tutti gli agenti economici intervistati detengono licenze (1,9 licenze nella media). La validità media di una licenza è di 3 anni. Per ottenere una licenza ci vogliono circa 20 giorni ad un costo di $ 273. Tanto la durata, quanto i costi per ottenere la licenza si sono ridotti sensibilmente rispetto all’anno precedente.

Autorizzazioni

Circa il 62% degli agenti economici, che hanno partecipato al sondaggio necessitano di diversi tipi di autorizzazione per poter svolgere la propria attività. Per ottenere un’autorizzazione, le imprese necessitano in media di 20 giorni, con un costo intorno ai $ 169.

La certificazione dell’apparecchiatura

Circa 51% di tutti gli agenti economici intervistati hanno rinnovato l’attrezzatura negli ultimi tre anni. Tra loro, il 71% erano in possesso dei certificati, in conformità ai requisiti standard della Repubblica di Moldova. La procedura è durata in media 15 giorni, ad un costo di $70. Tanto il costo, quanto la durata per ottenere i certificati non sono cambiati nell’ultimo anno.

L’importazione

Negli ultimi 3 anni, circa 33% di tutti gli agenti economici interrogati hanno effettuato operazioni di importazione. Il 72 % di questi sono stati obbligati ad ottenere i certificati in conformità agli standard della RM. I costi per ottenerli si sono ridotti rispetto al periodo 2001-2003, raggiungendo i $95. Da sottolineare sono anche i costi di sdoganamento, molto più ridotti rispetto a quelli dei sondaggi del 2003-2004.

L’esportazione

Negli ultimi tre anni, l’11% delle imprese hanno effettuato esportazioni con una media annuale di 19 operazioni. Per l’attuazione di tutte le procedure doganali di esportazione, le imprese hanno avuto bisogno di 1,7 giorni ad un costo di $77. Ai 37% degli esportatori è stata rimborsata l’IVA. Nella maggioranza dei casi, le imprese preferiscono utilizzare la somma rimborsabile corrispondente al valore dell’IVA, per ammortizzare i costi delle altre imposte e tasse.

La certificazione dei beni e dei servizi

Circa 38 % delle imprese intervistate certificano in media i propri beni o servizi 5,6 volte all’anno. I certificati dei prodotti fabbricati in serie durano 17 giorni, ad un costo di $88. La certificazione dei loti individuali di prodotti necessitano meno risorse – 11 giorni e circa $137.

La certificazione sanitaria

Il 62% delle imprese incluse nello studio sono state sottoposte alla procedura di certificazione sanitaria nel 2005, con una frequenza annuale di 1,6 volte all’anno. La durata dell’ottenimento del certificato sanitario è di circa 13,5 giorni, mentre il costo si aggira intorno ai $85. Se la durata delle procedure di certificazione igienica è rimasta uguale, ne sono aumentati sensibilmente i costi rispetto al periodo precedente.

Controlli

Durante l’anno scorso, le imprese, in media sono state ispezionate 10,3 volte , leggermente meno di un anno fa. Le ispezioni sono durate in media 15 giorni, 4 giorni in meno rispetto al periodo precedente. In seguito ai controlli, le imprese hanno sostenuto spese per circa $107 l’anno. La maggior parte si riferisce alle sanzioni (circa $93).

Regime fiscale

Circa il 95% degli agenti assumono contabili, con una media di 1,6 di contabili all’unità economica. Entrambi gli indici sono aumentati leggermente rispetto al periodo precedente.

La regolamentazione dei prezzi

Circa il 18% delle imprese intervistate sono soggette alla regolamentazione dei prezzi. In seguito alla crescita costante negli ultimi anni, l’indice è sceso al livello di quello del 2002. Più frequentemente è regolamentato il livello massimale all’addizione commerciale.

Disposizioni del lavoro

74% degli agenti economici intervistati hanno affermato che il numero del personale esistente è ottimale. Circa il 21% sostiene che il personale non è sufficiente. L’unico problema evidenziato dai datori di lavoro, riguardante la regolamentazione del lavoro è l’obbligo di ricevere e di restituire le polizze assicurative obbligatorie nel termine prestabilito (2 settimane per le persone licenziate)

La promozione degli interessi personali delle autorità pubbliche

Circa il 5% degli agenti economici hanno affermato che i funzionari pubblici sono implicati nell’attività dell’azienda per promuovere i propri interessi personali. Circa il 76% hanno affermato il contrario.

Il sistema giudiziario

Durante gli ultimi 2 anni, il 20% degli agenti economici hanno dovuto provvedere alla risoluzione di alcuni conflitti, cifra che è scesa costantemente durante gli ultimi anni. In caso di conflitto, le imprese, normalmente appellano alle istanze giudiziarie: circa 67%, per i casi di conflitti con altri agenti economici e 77%, in caso di conflitto con le autorità dello stato.

Imposte e tasse

L’atto principale che disciplina il sistema fiscale della Repubblica di Moldova è il Codice Fiscale approvato il 24.04.1997 ed completato negli anni seguenti. Attualmente il Codice Fiscale comprende otto titoli:

  1. 1. Informazioni generali sul sistema fiscale
  2. 2. Imposte sul reddito
  3. 3. L’IVA
  4. 4. Le Accise
  5. 5. L’amministrazione delle imposte
  6. 6. Imposte sui beni immobili
  7. 7. Imposte locali
  8. 8. Tasse sulle risorse naturali
Alcuni indici sulle imposte e tasse nella RM
  2005 2006 2007
Imposte sul reddito delle imprese (%) 18 15 15
Imposte sul reddito personale (%) 20 20 15
Tasse sociali (%) 27 26 25

Valore standard dell’IVA: 20% - tassa standard applicata ai beni importati e ai servizi nella Repubblica di Moldova

Tassa Zero: % - Beni e servizi nel sociale

Tasse ridotte

  • 5% — Gas naturali
  • 8% — Pane, late e altri derivati

Investimenti esteri diretti

La strategia per attirare gli investimenti esteri e la promozione dell’esportazione sarà implementata assieme alla strategia di industrializzazione del paese e quella dello sviluppo del settore agro alimentare della RM, mentre l’implementazione in parallelo contribuirà all’approccio complesso e alla consecutività nella risoluzione dei problemi.

Per facilitare l’attrazione degli investimenti, nella Repubblica di Moldova sono già state proposte facilitazioni fiscali e doganali per gli investitori, nel processo di creazione delle imprese. In questo modo, le imprese, con un capitale che supera i $ 250.000 sono esenti in proporzione di 50%, per un periodo di 5 anni dalle imposte sul reddito, mentre le imprese, a capitale sociale che superano i $ 2 milioni sono esenti dalle imposte sul reddito per un periodo di 3 anni.

Il quadro giuridico riguardante gli investimenti

Gli investimenti nella Repubblica di Moldova sono disciplinati dalla Costituzione della Repubblica di Moldova, dalla legge riguardante gli investimenti nell’attività imprenditoriale n.81-XV del 18.03.2004 da altre leggi e atti normativi, nonché dai trattati internazionali a cui la RM ha aderito.

Nel caso in cui i trattati internazionali a cui la RM ha aderito sono prevedono cose diverse da quelle della legislazione in vigore,hanno la priorità i primi.

Dalla presente legge n. 81-XV non sono disciplinati i rapporti connessi agli investimenti da parte delle organizzazioni non-profit, come quelle a scopo sociale, educativo, filantropico, di sponsorizzazione, scientifiche e religiose. Questi rapporti sono regolamentati dalla legislazione rispettiva della Repubblica di Moldova.

La procedura di registrazione

La registrazione delle imprese viene effettuata in base alla Legge 1265-XIV del 05.10.2000 riguardante la registrazione di stato delle imprese e delle organizzazioni e viene effettuata dalla Camera di Registrazione di Stato.

Per la loro forma organizzativa e giuridica, le imprese si suddividono in:

  • Società a responsabilità limitata
  • Società per azioni
  • Imprese di Stato o Pubbliche

In data di 15.10.2006, il Registro delle imprese e delle organizzazioni conteneva dati su 130622 agenti economici registrati, tra cui:

  • 53 788 — società a responsabilità limitata
  • 5 091 — società per azioni
  • 63 051 — imprese individuali
  • 1 557 — imprese di stato
  • 4 380 — cooperative

L’Organizzazione Mondiale del Commercio

A partire dal 2001, la Repubblica di Moldova è diventato membro a pieni titoli della WTO, il che ha favorito lo sviluppo del commercio oltre le frontiere del paese e l’implementazione degli standard internazionali nel processo di produzione.

In qualità di membro della WTO, la Repubblica di Moldova è obbligata a rispettare quanto previsto dall’organizzazione nei vari campi, incluso quello della politica commerciale e quella fiscale, nonché nell’attività delle unioni doganali.

La partecipazione della Repubblica di Moldova ai negoziati multilaterali nel contesto della WTO, a quello con l’UE per un regime commerciale preferenziale, l’accelerazione nella creazione e l’inclusione del paese nella zona regionale di libero scambio con i paesi partecipanti al Patto di stabilità per il Sud est Europa, avrà un effetto positivo nel processo di promozione dell’esportazione internazionale.

Il regime commerciale della Repubblica di Moldova è un regime liberale. Fino ad oggi la Repubblica di Moldova ha firmato accordi di libero commercio con: i paesi CSI, l’Europa dell’Est (Romania, Croazia, Serbia, Macedonia, Bosnia - Erzegovina, Albania, Bulgaria) e trae benefici dal Sistema di Preferenze Generalizzato (SPG) da parte dell’Unione Europea e dalla preferenze commerciale con stati come: SUA, Giappone.